Normativa

NORMATIVE VALIDE PER COLORO CHE REALIZZANO E VENDONO PRODOTTI HANDMADE

 


Chiunque realizzi opere inerenti le arti visive quali composizioni letterarie, drammatiche, scientifiche, didattiche, religiose, tanto se in forma scritta quanto se orale, opere della scultura, della pittura, dell'arte del disegno, della incisione e delle arti figurative similari, compresa la scenografia etc...deve considerarle opera d'ingegno.

Esiste una legge a regolare la materia, la N°633/41 "PROTEZIONE DEL DIRITTO D'AUTORE E DI ALTRI DIRITTI CONNESSI AL SUO ESERCIZIO" (si rinvia a http://www.interlex.it/testi/l41_633.htm). 

In attuazione alla L.248/00 è iniziata l’attività dell’Unità antipirateria audiovisiva e informatica istituita dall’Autorità. Le associazioni che partecipano a questa iniziativa sono la Federazione antipirateria audiovisiva (FAPAV), la Business Software Alliance (BSA), la Federazione contro la pirateria musicale (FPM) e la Federazione Industrie Musicali Italiane (FIMI), che stanno programmando iniziative di coordinamento e di aggiornamento sulla tutela del diritto di autore insieme alla sezione OLAF della SIAE (http://www.siae.it/index.asp ) .

Per realizzare le opere d'ingegno non occorrono permessi, licenze o quant'altro, cosi come per venderle non occorrono partita IVA, iscrizioni di alcun tipo, se la vendita viene effettuata direttamente dall'autore.
Chi vende il proprio prodotto è libero di farlo come e quando vuole, il registrare l'opera o iscriversi alla SIAE serve solo a cautelarsi contro eventuali ulteriori ricavi economici originati dallo sfruttamento dell'opera da parte di terzi, in quanto l'autore, pur avendo venduto l'opera, conserva la paternità e quindi tutti i diritti di sfruttamento economico della stessa. 
Infatti l'autore vende l'opera ma non lo sfruttamento dell'opera, e se il nuovo proprietario dovesse avere dei ricavi dallo sfruttamento dell'opera, a questi ricavi si applicano i diritti dell'autore.
Registrare un'opera alla SIAE significa assicurarsi che nessuno possa sfruttarla senza pagare l'autore.

E' da considerare altresì che il supporto che tiene l'opera d'arte (tela, marmo, legno, maglietta ecc.. ) viene ceduto a titolo di regalo e non ha valore commerciale; la vendita interessa la parte artistica (per questo le stampe in serie non possono essere vendute, mentre la singola stampa si).

E' bene precisare che la normativa del nostro Paese non prevede l'obbligatorietà della P.IVA per attività commerciali che rivestono carattere occasionale purchè non comportino un guadagno non superiore ai 5.000 € annui;  La normativa in esame ha fornito per la prima volta una vera e propria definizione delle prestazioni occasionali, le quali, ex art. 61 c. 2 sono le "attività che coinvolgono il lavoratore per una durata che complessivamente non supera i giorni 30 (trenta) nel corso dell'anno solare con un medesimo committente e che, in ogni caso, non prevedano compensi superiori ad € 5000 (cinquemila)". 

Requisiti delle prestazioni occasionali: le collaborazioni occasionali devono presentare le seguenti caratteristiche:

- sporadiche ed episodiche, non organizzate (nel senso non devono esserci un ufficio, dei macchinari o dei lavoranti)

- non professionali e a portata limitata: un limite temporale (durata non superiore a giorni 30 - trenta) ed un limite quantitativo (i compensi percepiti nell'anno solare non devono essere superiori ad € 5000 - cinquemila - lordi).

In altri termini è possibile prestare una pluralità di collaborazioni occasionali nel corso dell'anno, per molteplici committenti, a condizione che:

1) quelle prestate per lo stesso committente nel corso dell'anno solare abbiano una durata inferiore a giorni 30 (trenta);

2) le prestazioni abbiano ad oggetto attività diverse;

3) i compensi percepiti nel corso dell'anno solare da tutti i committenti non superino la soglia di € 5000 (cinquemila).

3) si rilasci regolare ricevuta all’acquirente

 

 La prestazione occasionale può essere resa anche in assenza di un contratto redatto in forma scritta. 

Powered by Divisionet.ORG LeParche.It ©